Vai al contenuto

Intervento di potatura in tree climbing presso fiume Esse di Cortona con Filippo Sarri, Francesco Santini e Claudio Faltoni. Potature seguite con tagli di ritorno e rimonda del secco. Abbattimento alberi alto fusto segnalati.

Intervento di arboricoltura in tree climbing per potatura con tagli di ritorno su quercus spp. Recupero di vecchi capitozzi e rimonda del secco. In collaborazione con Filippo Sarri e Francesco Santini.

Tree climbing, lavoro su funi

Il lavoro su funi su piante ad alto fusto, conosciuto come tree climbing, offre una serie di vantaggi rispetto all'utilizzo di piattaforme da lavoro elevabili (PLE). Prima di tutto, il fatto che la pianta è "guardata dall'interno"; anziché dover accedere dall'esterno della chioma, vi si accede dall'interno verso l'esterno, evitando così di doversi far spazio con tagli impropri per poter accedere alle zone interessate dalla potatura. Inoltre offre, proprio grazie al miglior posizionamento dell'operatore, una maggior precisione di taglio, che favorisce il taglio di ritorno, evitando così la capitozzatura. Non vi sono limiti di altezza, riducendo così i costi dovuti all'utilizzo di piattaforme di grandi dimensioni. Si può accedere su spazi confinati o zone impervie, dove una piattaforma non vi può operare.

Intervento post-capitozzatura su Tilia Cordata presso la città di Matelica. La capitozzarura, cioè la riduzione drastica della chioma con asportazione degli apici, danneggia e provoca lesioni permanenti all’albero. Aumenta inoltre i costi di gestione futura. Intervento in collaborazione con Naturacrea e Arboricoltura 3S.

Potatura pino domestico
Intervento in tree climbing su pino domestico per ripulitura dei rami fuori sagoma e rimonda del secco

Il pino domestico (Pinus pinea, pino da pinoli) è una delle specie più diffuse nel territorio italiano, in particolare al centro-sud e lungo le coste; grazie all'intrinseca capacità di adattarsi facilmente alle condizioni del suolo e di clima (pedoclima) e nonché ad una crescita abbastanza celere, il Pinus Pinea, ha trovato spazio facilmente nella nostra penisola. Negli anni, la vasta diffusione di questa conifera ha evidenziato alcune problematiche non di poco conto, come il sollevamento delle pavimentazioni, dei manti stradali, e l’improvviso cedimento strutturale. Entrambi i fattori sono da ricercare nelle caratteristiche peculiari della specie e alle problematiche che insorgono in ambito urbano.

La forma tipica allungata e modellata dal vento

Se in generale nel “sistema albero” la crescita in altezza è dovuta principalmente alla dominanza apicale dell’asse verticale principale rispetto alle branche laterali, nel pinus pinea avviene invece un fenomeno interessante dal punto di vista strutturale. Le branche laterali si allungano notevolmente (in particolare quelle inferiori), superando spesso la lunghezza degli assi dominanti verticali, e dando vita in tal modo alla consueta forma arrotondata e ovoidale del pinus pinea, detta anche scherzosamente a “disco volante”.

...continua a leggere "Impariamo a conoscere gli alberi: il Pinus pinea"

Giornata di formazione presso Associazione Italiana Professionisti del Verde (apiv): “Valutazione e gestione del rischio arboreo”, località Scandicci (Fi), Castello dell’Acciaiolo (Info aipv: http://www.aipv.it)

Potatura in tree climbing

Potatura di nove querce in Pieve San Giovanni (AR), in tree climbing con tagli di ritorno, senza asportazione totale degli apici (capitozzatura), rimonda del secco. In collaborazione con Arboricoltura 3S.

Valutazione di stabilità (Visual Tree Assessement: V.T.A.) di due esemplari di Cedrus deodara in fase di avvizzimento (Foto 1).

FOTO 1: Si notano in questa foto tratta da Google Earth, datata 6 settembre 2017, gli apici di colore diverso di entrambi i Cedrus A.; segno di avvizzimento iniziato (evidenziati dalle frecce).

Entrambi gli esemplari presentano una fase di degradamento avanzato. L’esemplare 1, a nord (foto 2), con biforcazione a circa 2,10 m.t. dal piede del tronco, presenta la codominanza più a ovest completamente avvizzita; la codominanza lato est, presenta invece l’apice in fase di disseccamento, di circa 1,50 m.t. Alla base del tronco si notano numerosi contrafforti e depressioni compatibili con presenza di attività fungina...continua a leggere "Valutazione di stabilità (V.T.A.)"